PARCHI USA

PARCHI USA

Uno spettacolare itinerario di circa 5000 km nel cuore del sud-ovest americano che attraversa 6 stati ed una dozzina di parchi nazionali con foreste pietrificate e vulcani spenti, gli archi ed i pinnacoli naturali di pietra rossa, canyons plasmati dall’acqua e deserti scolpiti dal sole, altipiani immensi e praterie sconfinate e geyser spettacolari. Insomma, si tratta di un vero e proprio universo di forme e colori stupefacenti, ricco di flora e fauna selvatica e dove si trovano gli antichi popoli indiani che risiedono in questo angolo di mondo dove la natura ha dato sfogo alla sua fantasia.
CALIFORNIA

· YOSEMITE NATIONAL PARK
 
Cascate imponenti, montagne che raggiungono i 4000 metri, formazioni rocciose spettacolari e monoliti, laghi cristallini, foreste di millenarie sequoie giganti. Allo Yosemite la natura ha fatto le cose in grande. Il parco nazionale più famoso degli Stati Uniti, e forse dell’intero pianeta, offre uno spettacolo continuo, che cambia radicalmente colori, odori e atmosfera a seconda delle stagioni. Situato nella California centro orientale, lo Yosemite ospita 150 specie di uccelli e 85 di mammiferi tra cui l’orso bruno, e offre al visitatore più di mille chilometri di sentieri immersi nella natura.

· SEQUOIA NATIONAL PARK
 
Il Parco nazionale di Sequoia è un parco nazionale localizzato nel sud della Sierra Nevada, a est di Visalia, nello stato americano della California.
Venne istituito nel 1890 come secondo parco nazionale degli Stati Uniti, dopo il Parco Nazionale di Yellowstone. Il parco si estende su una superficie di 1.635,14 chilometri quadrati. Contiene al suo interno il Monte Whitney (4.421 metri sul livello del mare), il monte più alto degli Stati Uniti escludendo l'Alaska e le Hawaii. Il parco è posto a sud del contiguo Parco nazionale di Kings Canyon. Dal 1984 I due parchi sono gestiti dal National Park Service come fossero un'unica unità, chiamata Sequoia and Kings Canyon National Parks. L'attrazione principale è la presenza della sequoia gigante, compreso il Generale Sherman, il più grande albero della Terra. Il Generale Sherman cresce nella Foresta gigante, che contiene cinque dei dieci alberi più grandi del mondo in termini di volume di legno.Al centro del parco si trova uno spuntone di roccia granitica alto 75 metri, chiamato Moro Rock. È stata realizzata una scalinata di 400 gradini che permette ai visitatori di raggiungere la cima, posta a 2050 metri s.l.m..
· DEATH VALLEY
 La Death Valley e` un parco nazionale degli USA situato al confine fra la California meridionale e Las Vegas. Lo scenario e` quello di un deserto, ma nessun altro deserto al mondo assomiglia a quello della Death Valley, e nessuno presenta cosi` tanta varieta` di scenari naturali. La valle vera e propria e` delimitata ad ovest dai 3.600 metri del Telescope Peak e ad est dal promontorio di Dante's View, a nord dal cratere di Ubehebe e dalle dune di sabbia di Eureka, e a sud si perde nel buco nero di Badwater, la depressione piu` bassa (-94 m.) dell'emisfero occidentale, il tutto in un raggio di poche decine di chilometri.

UTAH
· ZION NATIONAL PARK
 
Il Parco nazionale di Zion è situato nel sud-ovest degli Stati Uniti, nello stato dello Utah.Centro del parco è il canyon di Zion, una gola lunga 24 km e profonda 800 metri.L’ambiente del Parco si può dire unico per le imponenti formazioni rocciose e profonde gole scavate dalla forza delle acque del Virgin River e dei suoi affluenti. Moltissime sono le varietà di flora e fauna, tra cui molte specie a rischio di estinzione, che qui vengono protette e tutelate.
· BRYCE CANYON NATIONAL PARK
 
Il Parco nazionale del Bryce Canyon è un piccolo parco nazionale situato nel sud-ovest degli Stati Uniti nello stato dello Utah. L'area protetta comprende il celebre Bryce Canyon che, nonostante il nome, non è propriamente un canyon ma un enorme anfiteatro originatosi dall'erosione del settore orientale dell'altopiano Paunsaugunt (in inglese: Paunsaugunt Plateau). Il Bryce Canyon è celebre per i caratteristici pinnacoli, gli hoodoos, prodotti dall'erosione delle rocce sedimentarie fluviali e lacustri, erosione dovuta all'azione di acque, vento e ghiaccio. Le rocce hanno un'intensa colorazione che varia dal rosso, all'arancio al bianco.
Il Bryce ha una superficie di 145 km² ed un'altitudine che varia tra 2400 m e 2700 m. I primi colonizzatori del canyon furono i mormoni che si insediarono a partire dal 1850, e fu chiamato così grazie a Ebenezer Bryce che si insediò in questa area nel 1875. L'area venne proclamata monumento nazionale nel 1924 e istituito come Parco nazionale del Bryce Canyon nel 1928.
· CANYONLANDS NATIONAL PARK
 
Per chiunque arrivi nel parco nazionale più grande dello Utah si apre alla vista un’immensa area: centinaia di chilometri tra rocce rosse, attraverso pendii e guglie, altopiani e i plateau grandi e piccoli di terreno. L’atmosfera magica di ‘Ombre rosse’ si crea come per incanto e vi avvolge, togliendo il fiato. Ancora potrete immaginare l’eco degli spari nelle vaste distese del sud-ovest, l’assalto alle diligenze e i ranch: il famoso Far West. Canyonlands si divide in tre suggestive zone, denominata poeticamente così: Island in the Sky (isola nel cielo), The Needles (le punte) e The Maze (il labirinto).
· ARCHES NATIONAL PARK
 Parco nazionale degli Arches è una area naturale protetta degli Stati Uniti che conserva oltre 2000 archi naturali di arenaria, includendo il famoso Delicate Arch oltre ad una varietà di formazioni geologiche uniche.
Il parco si trova nei pressi di Moab, Utah, copre una superficie di 309 km², e la sua altitudine varia tra i 1723 m e i 1245 m. Dal 1970 42 archi
sono crollati a causa dell'erosione. Il parco riceve in media 250 mm di pioggia l'anno. L'area, amministrata dal National Park Service, è stata originariamente designata come monumento nazionale il 12 aprile 1929, venne convertita in parco nazionale il 12 novembre 1971.
Edward Abbey ha lavorato come ranger nel parco negli anni '50, le sue memorie narranti questa esperienza sono raccolte e pubblicate nel romanzo Deserto Solitario. Una stagione nei territori selvaggi del 1968, che è diventato un classico della letteratura del deserto.
      CAPITOL REEF NATIONAL PARK
 
Il Capitol Reef National Park è stato a lungo considerato uno dei segreti meglio mantenuti dello Utah. E’ spettacolare tanto quanto i nostri più famosi parchi ma è piacevolmente meno frequentato con i suoi pochi visitatori annuali. Questo parco offre fantastiche esperienze per tutte le tipologie di viaggiatori. Gli appassionati di storia possono godersi facilmente sia l’antica arte indiana della roccia sia i frutteti dei primi pionieri come anche Gifford House nell’ Historic Fruita District. Deliziatevi con un frutto mentre osservate i cervi che vagano liberamente. Il Ripple Rock Center propone attività interessanti per i bambini e il servizio del parco fornisce tour guidati e presentazioni informative serali.
WYOMING

· YELLOWSTONE NATIONAL PARK
 
Lo Yellowstone National Park, con i suoi geyser e le sue sorgenti di acqua calda, regala emozioni pazzesche. Una fauna incredibile vi aspetta tra boschi e praterie: orsi grizzly (vi ricordate Yoghi e Bubu, i celeberrimi personaggi dei cartoon di Hanna&Barbera che vivevano appunto nel parco con i ranger?), le grandi corna delle alci, la mole dei bisonti, la leggerezza dei daini, la rarità dei leoni di montagna. E inoltre godrete la maestosità dei puma, l’agilità dei mufloni, la simpatia delle marmotte, la bellezza dei lupi e i bellissimi esemplari di aquila statunitense. Il parco è dunque la più celebre riserva naturale del mondo e si estende su tre stati: Wyoming, Montana e Idaho
COLORADO

· MESA VERDE NATIONAL PARK
 
Il parco nazionale di Mesa Verde è situato nella sezione sudoccidentale dello stato del Colorado. Il territorio è formato da un altopiano con un'altitudine variabile tra 1860 m e 2560 m ed è attraversato da una serie rilievi rocciosi e vallate disposte longitudinalmente. Il Parco nazionale di Mesa Verde è un'area protetta degli Stati Uniti e patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. È situato nello stato del Colorado, nella contea di Montezuma. Ha una superficie 211 km2 e comprende un'area in cui sono presenti i resti di numerosi insediamenti costruiti dagli antichi Popoli Ancestrali, una volta denominati Anasazi. Si tratta di villaggi costruiti all'interno di rientranze della roccia, denominati cliff-dwellings. Il più noto e il più grande di questi insediamenti è quello denominato Cliff palace.
ARIZONA

· MONUMENT VALLEY
 La Monument Valley è uno dei simboli degli Stati Uniti occidentali. Il pianoro desertico è in realtà di origine fluviale (Colorado Plateau)
e si trova al confine tra Utah e Arizona in un'area abbastanza isolata quanto estesa che dista più di 70 km dalla cittadina più vicina: Kayenta.
La strada che conduce alla Monument Valley nella parte terminale è altrettanto famosa: essa segue un percorso rettilineo in leggera discesa che da al viaggiatore l'impressione di calarsi all'interno della valle. La strada principale che conduce al luogo è la Highway 163. Il territorio è
prevalentemente pianeggiante ad eccezione del fatto che la pianura è cosparsa da una sorta di guglie (geologicamente definite "testimoni di
erosione"), dette butte o mesas. Questi edifici naturali formati da roccia e sabbia hanno la forma di torri dal colore rossastro (causato dall'ossido di ferro) con la sommità piatta più o meno orizzontale; alla base si accumulano detriti composti da pietrisco e sabbia.
· PETRIFIED FOREST
 
Il Petrified Forest National Park, situatonell'Arizona centro-orientale, si estende su un area di 378 kmq, che comprende una delle più grandi concentrazioni di legno pietrificato, una zona del Painted Desert, strutture storiche, siti archeologici, ed espone fossili vecchi di oltre 225 milioni di anni. Oltre 10 000 anni di storia e cultura umana sono presenti nel Petrified Forest National Park.
· GRAND CANYON NATIONAL PARK
 
 Il Grand Canyon è un lungo taglio, molto profondo - in alcuni punti anche 1.600 metri - nella regione del Colorado Plateau che rende visibili strati
del Proterozoico e del Paleozoico. Gli strati sono gradualmente messi in luce da una leggera pendenza che inizia nella località Lee's Ferry presso la città di Page in Arizona e continua fino alle Hance Rapid. Il sollevamento dell'edificio della montagna (l'orogenesi), associato alla tettonica a
zolle, causò l'elevazione a centinaia di metri dei sedimenti, creando la zona degli Altipiani del Colorado. L'elevazione della regione provocò anche
un aumento delle precipitazioni atmosferiche in tutto il bacino idrografico del fiume Colorado, ma non abbastanza per salvare l'area del Grand Canyon
dal diventare semi-arida. Infatti le frane ed altri smottamenti causarono poi uno sprofondamento del letto stesso e la conseguente deviazione del corso
del fiume, che aumentarono la profondità e la larghezza dei canyon, nonché l'aridità dell'ambiente
Share by: